La foto con cui Mauro Gadda sul suo profilo facebook ha fatto gli auguri di Natale agli amici ( 2018 )

La tradizionale cena di Natale avrà luogo Sabato 14 Dicembre al Ristorante Villa Pedrini in riva al Naviglio Langosco a Ponte Ticino Galliate ( http://www.villapedrini.it/index.htm ).

Ritrovo ore 20. Prezzo ( in corso di definizione ) circa 30 Euro. Menù ( in corso di  definizione ).

Nel corso della serata verranno proiettate immagini del Ticino a Galliate ( ma non solo ) di Mauro Gadda e Norino Canovi.

Norino Canovi lo conosciamo tutti, per le sue grandi doti di fotografo naturalista e non mancherà, come al solito, di stupirci. Mauro Gadda, invece, è un galliatese trasferitosi a vivere e ad lavorare a Pallanza sul Lago Maggiore, dove ha aperto una gelateria. In questi anni ci ha regalato sulla sua pagina facebook una serie di magici scatti del nostro fiume, del lago e delle montagne tutt’attorno. Come non ricordare, tra le tante, il magico tramonto che, grazie ad una forte corrente favonica, ha illuminato i nostri cieli nell’ottobre di 2 anni fa ….

Iscrizioni entro lunedi 9 dicembre scrivendo a info@amiciparcoticino.it o telefonando a Alberto 348 3615874 – Giancarlo 3334045078 – 335 6825354 Roberto

Il magico tramonto di 2 anni fa visto da Pallanza ( in fronte il Mottarone )
Roggia in autunno a Galliate

 

CAUSA IL PREVISTO MALTEMPO PER DOMENICA CASTAGNATA E CAMMINATA SONO RINVIATE !

Gli Amici del Ticino organizzano per Domenica 17 Novembre 2019 una camminata alla scoperta dei colori dell’autunno in una delle aree naturalistiche più belle del Parco del Ticino, la Brughiera di Via Gaggio a Lonate Pozzolo, futuro ecomuseo, con il fotografo e naturalista Norino Canovi. A partire dalle 14:30 castagnata al Centro Parco Ex Dogana di Lonate Pozzolo.

PROGRAMMA

Ore 14:00 – 15:30 CAMMINATA IN BRUGHIERA
Ore 14:30 – 17:30 CASTAGNATA IN DOGANA

Si consiglia: abbigliamento comodo e sporchevole, pantaloni lunghi, scarpe chiuse, borraccia dell’acqua. 

PER INFORMAZIONI ED ISCRIZIONI: email: info@amiciparcoticino.it – cell: 335\6825354 (Roberto) – iscrizione 5 Euro

Il castello sforzesco di Milano

Per Domenica 1° dicembre gli Amici del Ticino organizzano una visita guidata al Castello Sforzesco, al Cimitero Monumentale di Milano ed alla Biblioteca degli Alberi
Partenza ore 8:11 da Novara Nord ore 8:18 da Galliate ed arrivo a Milano Cadorna alle 9:13

La sala delle Asse affrescata da Leonardo da Vinci

Ore 09:15 Ritrovo con la guida Emanuela Bergamaschi in piazza Cadorna sotto la scultura ” Ago e Filo ” e distribuzione radioguide

Ore 10:00 Arrivo in castello e visita alla Pietà Rondanini, Sala delle Asse e cortili interni

Ore 12:30 pausa pranzo libera in zona Via Dante

Ore 13:45 ritrovo alla fontana davanti all’ingresso principale del Castello e partenza per il Cimitero Monumentale
Ore 14:30 – 16:30 Visita al Cimitero Monumentale
Ore 16:30 trasferimento a piedi a Piazza Gae Aulenti e visita alla Biblioteca degli Alberi, il 3° parco urbano di Milano
Ore 17:47 treno da Cadorna per Galliate ore 18:42 e Novara ore 18.49

Costo Euro 25,00 – MAX 25 persone ( guida, ingressi, assicurazione ) da versarsi su:

 IBAN AMICI DEL TICINO : IBAN: IT 02 X 02008 10105 000004857828

Per info e iscrizioni: info@amiciparcoticino.it – 335.6825354

la biblioteca degli alberi, uno dei più grandi parchi urbani di Milano
il cimitero monumentale di Milano, uno dei più belli d’Italia
il famedio, dove sono sepolti tutti i cittadini più insigni di Milano

 

 

 


 

 

SETTIMANA EUROPEA TURISMO LENTO

EUROPEAN MOBILITY WEEK  29 SETTEMBRE – 6 OTTOBRE 2019

PROGRAMMA DOMENICA 29 SETTEMBRE

 TRENO + TREKKING + BARCA ALLA RISCOPERTA DELLE ISOLE DEL BOSCO VEDRO E DEI CONIGLI

INAUGURAZIONE RIFUGIO FABRIZIO BOVIO 

( per l’itinerario vedi cartina – linea blu )

LUNGHEZZA ITINERARIO A PIEDI : 12 KM

LUNGHEZZA ITINERARIO IN CANOA: 3 KM

  • Arrivo in treno da Novara 9:21 ( partenza 9:11 ) e da Milano 9:37 ( partenza 8:47 ) alla Stazione FNM di Ponte Ticino
  • Ore 10:00 Partenza camminata
  • Ore 10:30 Villa Picchetta ( visita )
  • Ore 11:15   Visita Azienda Agricola Guido Bianchi
  • Bosco Calvario e discesa all’Isola del Bosco Vedro attraverso il sentiero della Zaboina – Area riproduzione Pelobate Fosco
  • Itinerario didattico fino alla presa del Naviglio Langosco e poi al Rifugio Fabrizio Bovio
  • Ore 12:30 Pranzo al rifugio
  • Ore 14:00 Inaugurazione Rifugio e mostra sui cambiamenti climatici – Proiezione Giovanni Liberini in ricordo del collega guardaparco-ornitologo Fabrizio Bovio

( Il Rifugio Fabrizio Bovio ospitato in un cassero ristrutturato dal Parco del Ticino negli anni ’80 )

  • Ore 14:30  Ripartenza camminata con visita all’isola dei Conigli ( guado a piedi ) e attraversamento in barca del fiume con i barcaioli del Ticino
  • Ore 16:30 Sosta merenda presso Nuovo Lago Maggiore
  • Treno per rientro a casa 17:21 ( per Milano ) – 17:37 ( per Novara )

Costo partecipazione: 3 Euro assicurazione + 8 Euro pranzo al rifugio ( chi vuole può portarsi anche il pranzo al sacco ) = TOTALE EURO 11. Per info e iscrizioni entro venerdì 27 settembre: promozione@parcoticinolagomaggiore.it -320 4303193 oppure  info@amiciparcoticino.it – 335.6825354

* DISCESA IN GOMMONE DA RAFTING / CANOA CANADESE / PACKRAFT 

Durante la giornata sarà possibile provare gratuitamente la discesa di un tratto di fiume ( Ramo Treccione – circa 3 km ) accompagnati dal maestro di canoa Livio Bernasconi e dagli istruttori del Canoa Club Novara, utilizzando 3 diversi tipi di imbarcazione: canoa canadese, gommone da rafting e packraft. Vi spieghiamo cosa sono e come funzionano:

Canoa canadese

 

Scivolare silenziosi trasportati da una canoa canadese tra canali e lanche solcate dal fiume, esplorare laghi e lagune, o cimentarsi nelle rapide di un fiume impetuoso. Sono i diversi modi in cui la canoa canadese ci permette di vivere la natura che ci circonda. Con la canoa canadese si possono attraversare laghi, costeggiare mari e lagune, percorrere fiumi facili ma anche fiumi impetuosi con passaggi fino al quinto grado. Esistono modelli veloci e di alta manovrabilità e modelli con i quali è possibile fare l’eskimo sia in singolo che in doppio.

 

 

 

Gommone da rafting

 

Il gommone da rafting è un’imbarcazione inaffondabile e autosvuotante chiamato aapunto raft. L’equipaggio, composto da 7-9 persone, governa l’imbarcazione tra le rapide grazie alle pagaie. E’ adatto a fiumi impetuosi ma è utilizzato anche sul Ticino.

 

 

Packraft

 

E’ una novità. Packraft  è il termine inglese per indicare un piccolo gommone portatile, progettato per navigare in ogni tipologia di ambiente acquatico, dai fiumi d’acqua bianca alle baie e fiordi oceanici. Un packraft è abbastanza leggero e sufficientemente compatto per essere trasportato per lunghe distanze, entra nello zaino, in una sacca da viaggio, nelle borse della bicicletta,  e i più estremi anche in un marsupio, pur tuttavia resta un’imbarcazione funzionale.

 

 

 


PROGRAMMA DOMENICA 6 OTTOBRE

IN BICI ALLA RISCOPERTA DELLA INGLESA, DEL MARCETTO, DELLA SABGHIA AD OLEGGIO E DELLA TENUTA CASONE-MONTELAME A POMBIA

                                                ( per l’itinerario vedi cartina – linea gialla )

L’escursione in bici vuole ricordare due eventi in particolare:

1) Lo scorso inverno il Parco del Ticino Piemontese ha completato la segnatura della pista ciclabile da Marano Ticino a Castelletto Ticino che ora può essere percorsa integralmente da nord a sud dal Lago Maggiore a Cerano ( 67 km );

2) Grazie ad un operazione condotta dai Carabinieri di Oleggio e Lonate Pozzolo nel marzo del 2019 è stato riconquistato all’uso pubblico – dopo un anno di arbitraria interdizione da parte di un gruppo di malavitosi legato all’andrangheta – il tratto di pista ciclabile che attraversa l’ex cava Sabghia ad Oleggio. Qui di seguito l’articolo apparso su La Stampa il 3 marzo 2019: https://www.lastampa.it/novara/2019/03/17/news/ciclabili-sbarrate-nel-parco-del-ticino-blitz-dei-carabinieri-denunciati-due-imprenditori-1.33688512

Durante la passeggiata sarà possibile scoprire:

– sulla sponda piemontese, la grande tenuta Casone-Montelame, un’area di 210 ettari di proprietà del parco, racchiusa su tre lati dal fiume, comprendente una vasta area agricola con prati e recinti per i cavalli , boschi, brughiere, e due bellissime cascine ristrutturate ).

sulla sponda lombarda, le grandi opere idrauliche poste lungo il Canale Industriale, in particolare le Dighe del Panperduto, oggetto di un importantissimo progetto di valorizzazione turistica, con il ripristino delle conche di navigazione, la realizzazione del museo delle acque italo-svizzero e di un ostello ( visita guidata )

Per i dettagli sui luoghi incontrati vedi: Carta Colline Moreniche

Ore 08:45 – Ritrovo al Centro Parco Ex Dogana a Lonate Pozzolo (Frazione Tornavento )
Ore 09:00 – Partenza biciclettata
Ore 09:30 – Visita all’area Sabghia, Inglesa e Marcetto liberata dall’andrangheta
Ore 11.30 – Visita alla Tenuta Casone-Montelame
Ore 12:30 – Sosta pranzo alla Cascina Montelame
Ore 14:00 – Ripartenza per il Campo dei Fiori
Ore 15:00 – Visita guidata alle Dighe del Pamperduto
Ore 17:00 – Arrivo al Centro Parco ex Dogana Austroungarica

Costo partecipazione: 3 Euro assicurazione + 10 Euro pranzo al rifugio ( chi vuole può portarsi il pranzo al sacco ) = totale Euro 13;

Per info e iscrizioni entro venerdì 4 ottobre: promozione@parcoticinolagomaggiore.it – 320  4303193 oppure info@amiciparcoticino.it – 335.6825354

 

Il COORDINAMENTO SALVIAMO IL TICINO
The Committee Let’s Save The Ticino River

Aderiscono al Coordinamento

Per l’Italia : Amici della Natura ad Arsago, Amici del Ticino, Bicipace, Canoa Club Milano, Canoa Club Novara, Cus Pavia, Ecoistituto della Valle del Ticino, Kajak Team Turbigo, Legambiente Circoli : Busto Arsizio, Cassano Magnago, Gallarate, Monte San Giacomo, Ovest Ticino Il Pioppo, Ticino Turbigo, WWF Cuggiono

Per la Svizzera : Associazione per un Piano di Magadino a Misura d’Uomo

Con la partecipazione di

AqQua Canoa & Rafting” SSD, Canoa Club Vigevano, Legambiente Circoli Lomellina e Terra dei Parchi, Pagaia Rossa

Con il patrocinio di

Riserva della Biosfera Ticino, Val Grande, Verbano, Parco del Ticino Lombardo, Parco del Ticino Piemontese, Consorzio del Ticino

Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi,  Enel Green Power, Uisp

In collaborazione con

Vispo, Ostello Pamperduto, Camping Playa di Valverde, Gruppo Folkloristico Manghin e Manghina

ORGANIZZA

COMUNICATO STAMPA

Il 14 Luglio 2019 si svolgerà sui fiumi di tutta Europa la 16° edizione del “ BIG JUMP “: nello stesso momento centinaia di migliaia di persone si tufferanno nei corsi d’acqua delle loro città in più di 20 paesi europei. Lo scopo del “Big Jump“ è di riavvicinare le genti ai propri fiumi, dopo decenni in cui gli stessi sono stati considerati il recapito delle fogne e dei rifiuti delle città o una risorsa da utilizzare fino all’ultima goccia d’acqua. Entro il 31\12\2015 – in base alla Direttiva 2000.60 CE del 23\10\2000 – i vari paesi dell’unione avrebbero dovuto riportare i loro fiumi ad un buon stato ecologico ed alla balneabilità: così non è stato per molti fiumi italiani ed anche per il Ticino, e ciò a causa dei molti depuratori ancora malfunzionanti ( le due situazioni più critiche sono ancora quelle del sistema di depurazione e spagliamento del torrente Arno e del depuratore di Sant’Antonino e del Canale scolmatore di Nord Ovest – CSNO ).

Ma il fiume azzurro, nonostante i problemi rimane pur sempre il fiume azzurro.

Il Coordinamento Salviamo il Ticino – che raggruppa oltre 20 associazioni presenti sul territorio – ha così deciso anche quest’anno di partecipare al Big Jump – Festa per la vita e la balneabilità dei fiumi europei ( per saperne di più sugli altri siti europei https://www.bigjump.org/en/ ) organizzando una discesa in canoa di due giorni da Somma Lombardo a Vigevano ( ma sarà possibile partecipare anche in bicicletta ), discesa che vuole essere un’occasione per promuovere le bellezze – e sono tante – della neonata Riserva della Biosfera Ticino, Val Gande, Verbano.

Per l’occasione il Consorzio del Ticino – che regola i deflussi dal Lago Maggiore – ha comunicato il rilascio di 31 mc\sec, 14 mc\sec in più rispetto al Deflusso Minimo Vitale previsto in questa stagione dell’anno.

Dopo la visita guidata alle Dighe del Pamperduto a Somma Lombardo, la sosta per il pranzo avverrà presso la tenuta Casone-Montelame a Pombia, una delle più belle aree del Parco del Ticino. La sosta per la notte è invece prevista presso il Rifugio Fabrizio Bovio all’Isola del Bosco Vedro a Cameri, rifugio risistemato per l’occasione dagli Amici del Ticino.

La sera, cena e proiezione video alla sede del Canoa Club Novara – in riva al Naviglio Langosco – con un documentario sulla riserva della biosfera Ticino, Val Grande, Verbano, la presentazione del progetto Vispo – Volunteer Initiative for a Sustainable Po che in Piemonte vede coinvolti 230 ragazzi tra i 18 ed i 30 anni ( per saperne di più http://www.legambientepiemonte.it/comunicati-stampa/volontariato-vispo-cerca-230-giovani-per-il-po/ ) e le straordinarie immagini del nuotatore-fotografo Mattia Nocciola ( Per scoprire chi è leggete l’intervista che ha rilasciato ad animal trip: https://animal-trip.com/2019/06/12/interviste-la-sentinella-subacquea-del-ticino-mattia-nocciola/?fbclid=IwAR2POerzWxXMQx5-l3lQwwWQyKC7_f2kTPJsnnUY5pkIoJZijIfB-1uB8cs ).

Domenica ripartenza dal Camping Playa di Valverde a Galliate, sosta per il pranzo alle Casette di Cerano ed al termine della discesa alle 16 “ Grande Tuffo “ alla Centrale Ludovico il Moro, splendido edificio liberty del 1904 e sede del Canoa Club Vigevano e di Aqqua Canoa & Rafting ASD.

La manifestazione sarà a rifiuti zero: ciascuno dei partecipanti dovrà infatti munirsi di gavetta ( piatto, posate e bicchiere ).

Ad oggi gli iscritti, per entrambe le giornate sono oltre 50, con kajak, canoe canadesi, gommoni, tradizionali barcè e bici.

Per maggiori informazioni c’è il sito www.bigjumpticino.org .

Ecco, dunque, il programma dettagliato

DISCESA IN CANOA

SABATO 13 LUGLIO: DA SOMMA LOMBARDO ALL’ISOLA DEL BOSCO VEDRO (Km 22) con visita guidata alle Dighe del Panperduto, alla Cascina Casone e pernottamento al Rifugio F. Bovio all’Isola del Bosco Vedro

Ore 08:00 Ritrovo presso la sede del Canoa Club Vigevano alla Centrale Ludovico il Moro a Vigevano
Ore 08:30 Partenza Bus Navetta e mezzi trasporto imbarcazioni
Ore 09,15 Sosta Bus Navetta al Camping Plaja di Valverde a Galliate
Ore 10,15 Arrivo al punto di imbarco alla Canottieri Somma Lombardo
Ore 10,30 Partenza discesa
Ore 11,o0 Attraversamento conca del Panperduto e visita guidata alle Dighe del Panperduto
Ore 12,30 Sosta e rinfresco al Centro Parco Casone a Pombia
Ore 13,30 Ripartenza regata e discesa fino al Ponte di Oleggio
Ore 15,30 Sosta al Ponte di Oleggio
Ore 17,30 Arrivo al Rifugio F. Bovio all’Isola del Bosco Vedro, sistemazione in rifugio e visita guidata all’isola
Ore 19:30 Cena presso sede Canoa Club Novara
Ore 21.00 Rifugio F. Bovio all’Isola del Bosco Vedro – Proiezione filmato di presentazione della Riserva della Biosfera Ticino,
Val Grande, Verbano e presentazione Progetto VISPO – Proiezione immagini subacquee fotografo naturalista
Mattia Nocciola

DOMENICA 14 LUGLIO: DALL’ISOLA DEL BOSCO VEDRO A VIGEVANO ALLA SEDE DEL CANOA CLUB VIGEVANO (Km 22)

Ore 08,30 Partenza dall’Isola del Bosco Vedro
Ore 09,00 Raduno al Camping Plaja di Valverde a Galliate
Ore 09,30 Partenza regata
Ore 12,30 Arrivo alle Casette di Cerano – sosta e rinfresco
Ore 15,30 Arrivo a Vigevano alla sede del Canoa Club Vigevano ( Centrale Ludovico il Moro )
Ore 16,00 BIG JUMP
Ore 17,00 Recupero automezzi

PERCORSO IN BICI

SABATO 13 LUGLIO: DAL CAMPING PLAYA DI VALVERDE AL CASONE E ALL’ISOLA DEL BOSCO VEDRO (Km. 50)

Ore 8:45 Ritrovo al Camping Plaja di Valverde a Galliate
Ore 9:00 Partenza escursione in bicicletta lungo il Canale Industriale
Ore 11,o0 Visita guidata alle Dighe e al Museo delle Acque Italo-Svizzero
Ore 12,30 Sosta e rinfresco al Centro Parco Casone a Pombia con i canoisti
Ore 13,30 Ripartenza biciclettata
Ore 16,30 Arrivo al Rifugio F. Bovio all’Isola del Bosco Vedro, sistemazione in rifugio e visita guidata all’isola

DOMENICA 14 LUGLIO: DALL’ISOLA DEL BOSCO VEDRO A VIGEVANO ALLA SEDE DEL CANOA CLUB VIGEVANO (Km 40)

Ore 08,30 Partenza dall’Isola del Bosco Vedro
Ore 09,00 Raduno al Camping Plaja di Valverde a Galliate e partenza per La Fagiana
Ore 11,00 Sosta alla Fagiana
Ore 12,30 Sosta e rinfresco alle Casette di Cerano con i canoisti
Ore 15,30 Arrivo a Vigevano alla sede del Canoa Club Vigevano ( Centrale Ludovico il Moro )
Ore 16,00 BIG JUMP
Ore 17,00 Ritorno al Camping Playa di Valverde con i mezzi dell’organizzazione.


Per Domenica 16 Giugno proponiamo un’escursione al nuovissimo rifugio Barma, finito nel 2016 ed aperto al pubblico nel 2018, a cui la rivista Meridiani Montagne ha dedicato un articolo nel numero monografico sui nuovi rifugi delle alpi ( articolo ). Il rifugio si trova all’Alpe Barma nel comune di Fontainemore ( Valle di Gressoney ) all’interno della riserva naturale del Monte Mars, la più grande della Valle d’Aosta ( link (http://www.montmars.it/riserva/riserva.asp). Si tratta di un’area poco conosciuta, all’estremità orientale della Valle d’Aosta sul confine con il Biellese ( il rifugio è facilmente raggiungibile con la funivia che sale da Oropa ), ma non per questo meno bella o marginale …

Partenza: Pian Coumarial m . 1 457 m
Quota di arrivo: Rifugio Barma 2 051 m
Dislivello: 825 m ( 680 andata e 110 ritorno )
Lunghezza: 13.28 km
Tempo di salita: 3 h

Tempo di discesa 2:15 h

Si parte a piedi ricalcando all’inizio l’asfalto (1450 m) e poi una bella pista forestale nel bosco che di tanto in tanto ha ai suoi bordi attrezzi ginnici in legno. In meno di 30′, perdendo un po’ di quota, ci si innesta sullo sterrato che sale da Pillaz. Ci si inoltra così nel vallone di Pecoulla e si sale fino al lago Vargno. Qui si abbandona la poderale e si sale tra i prati fioriti, superando alcune baite. Più avanti, si procede su un bel lastricato e si giunge dal Lac de Lé Lounc. Ora si affronta il punto più faticoso della gita dovendo inerpicarsi su un sentiero che a tornanti guadagna circa 100 metri di quota passando accanto ad un imponente sperone roccioso. Oltre si giunge in vista dei laghi della Barma e dell’omonimo nuovissimo rifugio. Il ritorno avviene per la via di salita in circa 2h15.

Ritrovo: ore 7:30 Bar Marzia Galliate – ore 9:00 Pian Coumarial

Per info e iscrizioni: Roberto 335.6825354

 

Prende il via il 29 giugno il tour della riserva della biosfera Ticino, Val Grande, Verbano organizzato dal Coordinamento Salviamo il Ticino ( di cui gli Amici del Ticino fanno parte ) in collaborazione con l’ufficio Mab. Si parte dunque con una classica dell’escursionismo all’interno del Parco Nazionale della Val Grande: la traversata Est – Ovest dalla Val Loana a Premosello Chiovenda. Qui di seguito la locandina.


Il Gruppo Folliconi di Galliate – nell’ambito della manifestazione Follibeer ( in allegato la locandina completa ) – organizza per questa Domenica 9 Giugno la Biciclettata “Pedalando per Martino” ( dedicata al nostro amico Emilio Martinelli, compagno di tante avventure e vittima lo scorso dicembre di un gravissimo incidente proprio in bicicletta ), iniziativa cui volentieri aderiamo.

Questo il Programma:

ore 8:30 Ritrovo al Varallino per iscrizione e distribuzione omaggio

ore 9:15 Partenza. Percorso lungo i sentieri e nei boschi della Valle del Ticino
ore 12:30 Possibilità di pranzare al Varallino

Il ricavato derivante dalle iscrizioni e dal pranzo verrà devoluto in beneficenza.

 

GLI STUDENTI DI NOVARA ADERISCONO ALLO SCIOPERO CON CORTEO E MANIFESTAZIONE IN PIAZZA PER SENSIBILIZZARE LA CITTADINANZA E PER SOLLECITARE UN NUOVO E DECISO APPROCCIO POLITICO SUL TEMA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

A seguito dell’iniziativa della sedicenne Greta Thumberg per dar voce ai giovani in merito ai cambiamenti climatici, anche a Novara il 15 marzo 2019, in occasione del primo sciopero globale per il clima studenti, cittadini e rappresentanti di diverse associazioni del territorio si sono dati appuntamento in piazza per dar voce ai propri diritti.
In quell’occasione è stato consegnato un documento a Comune, Provincia e Prefettura di Novara per chiedere azioni concrete in modo da avviare azioni per contrastare i cambiamenti climatici e l’inquinamento cittadino. I bambini delle classi elementari che hanno consegnato direttamente nelle mani dei nostri rappresentanti la lettera sono stati accolti ufficialmente e cordialmente.

Ora però, a distanza di oltre due mesi chiediamo di conoscere quali passi sono stati fatti nella direzione da noi richiesta per promuovere un cambiamento radicale delle poltiche ambientali.
Ribadiamo che il cambiamento climatico sta accelerando e non abbiamo più tempo. Tutti siamo responsabili e a maggior ragione i nostri politici devono cambiare approccio perché l’obiettivo Zero emissioni entro il 2050 sia possibile.

Continueremo, mese dopo mese, a chiedere conto delle politiche che comuni e altri soggetti stanno attuando pe contrastare i cambiamenti climatici.

In allegato l’appello consegnato in data 15 marzo 2019 che rinnoviamo anche in occasione del Secondo sciopero per il clima:

Venerdi 24 maggio 2019 alle ore 8.30 in piazza Garibaldi con corteo studentesco fino al ritrovo in piazza Puccini alle ore 10.00

I partecipanti a #FridaysForFuture #ClimateStrike

e le organizzazioni aderenti:
Legambiente Circolo IL PIOPPO Ovest Ticino e Novarese, Pro Natura Novara, Amici della bicicletta Novara, Il Pane e le Rose, GAS 7 Fontane Galliate, Associazione Genitori Galliate, Parrocchia di Galliate, Associazione Novarese Amici di Santiago, Madre Terra, Novara Green, Associazione Vega Galliate, Laboratorio Pace. Associazione Audior, MAS gruppo di maestre ed educatrici, Associazione Burghvif, Delegazione FAI di Novara, Banca Etica, Agorà Donatello, Amici del Ticino, Comitato di Novara Albero Amico, Puliamo Romentino.

  • Rodney Stratton

    IF YOU HAVE A BODY, YOU ARE AN ATHLETE.

        

    Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis pe. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum."

  • Ashley Fletcher

    STRONG IS THE NEW SKINNY

        

    Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis pe. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum."

  • Edaline Lavender

    BE SO GOOD THEY CAN'T IGNORE YOU.

        

    Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis pe. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum."

  • THE PATIENT
    DECIDES WHEN IT'S
    BEST TO GO. Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum.
    Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram,
    anteposuerit litterarum formas humanitatis pe. Eodem modo typi,
    qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum."
    Thomas Paine
  • Robert H. Schuller

    THE PATIENT DECIDES WHEN IT'S BEST TO GO.

        

    Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis pe. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum."

  • Roger Federer

    PRACTICE PUTS BRAINS IN YOUR MUSCLES.

        

    Claritas est etiam processus dynamicus, qui sequitur mutationem consuetudium lectorum. Mirum est notare quam littera gothica, quam nunc putamus parum claram, anteposuerit litterarum formas humanitatis pe. Eodem modo typi, qui nunc nobis videntur parum clari, fiant sollemnes in futurum."

Gli Amici del Ticino in data 10 maggio 2019 hanno sottoscritto con il Parco del Ticino e del Lago Maggiore una convenzione per la gestione del Rifugio Fabrizio Bovio e dell’itinerario didattico sull’Isola del Bosco Vedro (Cameri – Galliate ). L’associazione, tramite i propri volontari, si è impegnata ad accompagnare persone e gruppi che dovessero fare richiesta di visita all’isola. I contatti per info e prenotazioni sono i seguenti: Associazione Amici del Ticino – email info@amiciparcoticino.it – www.amiciparcoticino.it – facebook: amiciparcoticino – cell. 335.6825354.

PROTOCOLLO D’INTESA

L’isola del Bosco Vedro è la più importante Riserva Naturale Speciale del Parco del Ticino piemontese: si trova a cavallo tra i comuni di Cameri e Galliate. Vi si può accedere solo accompagnati da personale autorizzato dal Parco. Si estende da nord a sud per oltre 3 km ed è delimitata ad est dal corso principale del Ticino e ad ovest dal Naviglio Langosco e dal suo scaricatore principale, il Ramo Treccione. L’isola è ricca di boschi pregiati e di lanche dalle acque purissime ( Risorgiva Darè, Lanca Persico, Lanche di Cameri ) ed ha ospitato per anni una stazione ornitologica, intitolata alla memoria del guardia parco Fabrizio Bovio, cui si deve la nascita del centro di inanellamento degli uccelli di passo. Qui il Parco ha condotto importantissimi studi scientifici per la reintroduzione della lontra e la salvaguardia della tartaruga palustre, del gambero di fiume e del pelobate fosco. Fanno parte integrante dell’isola del Bosco Vedro, il Vallotto e l’isola dei Conigli, da sempre considerati un paradiso per i raccoglitori di funghi della zona. Il Bosco Vedro – che ha una superficie di circa 140 ettari – è una grande proprietà in comunione, amministrata da un condominio: il Parco è comproprietario dell’area e la gestisce in base ad una convenzione con il condominio stesso.

All’interno dell’isola è stato tracciato un sentiero didattico che, con uno sviluppo ad anello di circa 4,5  km, ne tocca tutti gli i luoghi e gli ambienti più importanti: la diga sul Ramo Treccione, le risorgive, il bosco planiziale a querco-carpineto, la Casetta del Guardiacaccia ed il Casseri, il Vallotto, il ramo principale del Fiume, il Dosso, il greto con la sua vegetazione pioniera, la Filarola del Naviglio Langosco. L’itinerario ha inizio dal parcheggio del Canoa Club Novara / Centrale Treccione ed è segnalato con segnavia bianchi e rossi con la sigla BV. In riva al Treccione sorge il Rifugio Fabrizio Bovio, costituito dall’ex casa del guardiacaccia e da un cassero ristrutturato e soppalcato.

Come accedere all’Isola del Bosco Vedro e Itinerari:

  • 1 Dal Ponte in Ferro Galliate – Turbigo ( SS 341 ): imboccare la sterrata in sponda piemontese ( Via Varazzo ) che in circa 1 km conduce al parcheggio del Canoa Club Novara e della Centrale Treccione ( cancello ). Da qui bisogna proseguire a piedi fino alla Diga Treccione, superata la quale comincia l’itinerario sull’Isola. A.R. 6 km – 3,30 ( per le scuole è possibile partire direttamente anche dalla Diga Treccione riducendo il percorso a 4,3 km – 3 ore )
  • 2 Dalla Villa Picchetta a Cameri ( sede del parco ): lasciare la macchina al parcheggio a servizio della sede del parco e proseguire a piedi fino alla pista ciclabile. Seguire la stessa fino alla discesa che dalla costa conduce al cancello della Cascina Zaboina ( area riproduzione pelobate ). Da qui costeggiando il Naviglio Langosco si arriva alla Diga Treccione dove comincia l’itinerario didattico. A.R. 8,7 km – 4 ore
  • 3 Dalla Stazione Ponte Ticino delle Ferrovie Nord Milano: scesi alla stazione, imboccare il sentiero ST che, risalendo la costa, conduce alla pista ciclabile (DOR1), seguire la stessa fino alla Villa Picchetta ed al sentiero che scende al cancello della Cascina Zaboina ( in alternativa c’è anche il sentiero della Costa Grande ).  Al ritorno si può percorrere la Via Varazzo ( vedi punto 1 ) fino al Ponte in ferro ed alla Stazione. Qui sotto gli orari dei treni che fermano a Ponte Ticino il sabato e la domenica. A.R. 11 KM – 5 ore
  • 4 All’Isola dei Conigli: dal Rifugio F. Bovio seguire il sentiero IC che conduce prima alla casetta di caccia e poi alle lanche del vecchio ramo abbandonato del Ticino, superate le quali si giunge all’Isola dei Conigli già in territorio lombardo ed al corso principale del fiume.

La cartografia dell’area con la sentieristica: